tel. 010-542057 fax. 010-5302577 massimonicolo@occhioallaretina.it

La cosa importante è chiudere il rubinetto…..

Quale e’ lo scopo della terapia fotodinamica o della fotocoagulazione laser nella CSC?.
Lo scopo primario e’ indurre il riassorbimento del fluido (siero) che si accumula sotto il centro della retina (macula). Finchè la macula e’ sollevata dal fluido, i fotorecettori rimangono a “mollo” nell’acqua e inevitabilmente vanno in sofferenza che è tanto maggiore quanto più si prolunga la presenza del fluido sottoretinico. Questo è il motivo per cui è inutile e dannoso attendere che il fluido si riassorba spontaneamente. Va bene attendere un mese, ma poi se il sollevamento sieroso persiste è necessario indurre con terapie mirate il riassorbimento del fluido. Le terapie laser hanno quindi lo scopo di “chiudere il rubinetto”. Il fluido che nel frattempo si e’ accumulato sotto la retina nel giro di un mese viene riassorbito dalla retina stessa.

Comments ( 87 )

  • Gianluca

    buongiorno dottore
    mi hanno diagnosticato la c.s.c. 4 anni fa dicendomi che non si poteva curare e che sarebbe passata da sola. Per circa 3 anni e 1/2 il mio disturbo è stato lieve ma persistente (vedevo solo una piccola macchia nera che poi spariva) da circa sei mesi vedo le linee distorte e questo mi crea grossi problemi sul lavoro (lavoro in tv faccio il filmaker) ora leggo qui che finalmente qualcuno ha trovato una cura !! secondo lei è troppo tardi?se non è troppo tardi cosa comporta il trattamento laser in tempi di convalescenza?come faccio a farmi visitare da lei (ho appena rifatto la fluorangiografia)?
    la ringrazio anticipatamente sperando in una soluzione a questo fastidioso problema

    • Gentile Signore,
      in linea generale direi che non e’ mai troppo tardi. Lo scopo primario e’ indurre il riassorbimento del fluido sottoretinico ammesso che questi sia ancora presente. saluti,
      Massimo Nicolo’

      p.s. le ho scritto una mail sulla sua casella di posta elttronica con maggiori dettagli.

  • Lidia

    Buongiorno Dott. Massimo,
    sono una donna di 40 anni, è da pocco mi hanno diagnosticato la CSC del occhio sinistro. I disturbi gli ho sentiti circa tre mesi fà, per poi prosseguire con le visite mediche e con una cura fatta da integratori, di preciso Macular. Con la diagnosticazione mi hanno reccomandata di fare l’ OCT, che lo faro al più presto e spiegato che non ci sono terapie precise. . Leggo nel suo articolo, che un rimedio cè, lei cosa mi consiglia , fare richiesta con il medico di base per proseguire con OCT, o passare direttamente , diagnosi in mano, a fare il trattamento, questo per non perdere tempo prezionso? Quali sono i centri migliori per fare un trattamento per indurrere il riassorbimento del fluido? La ringrazio per il suo tempo,
    Cordiali Saluti

    • Gentile Signora,
      aspettiamo l’esito dell’esame OCT. Nel sesso femminile questa patologia di solito è meno frequente e a volte l’esame mette in evidenza altre problematiche. Da dove scrive?

      • Franco Vesti

        Buongiorno dottore,
        presto prenoterò la terapia fotodinamica sperando nel riassorbimento del siero sotto la macula che mi crea distorsione del campo visivo, vorrei sapere per quanti giorni DOPO la terapia ci sarnno problemi di vista dovuti al trattamento. Mi è stato detto che serviranno occhiali da sole quel giorno e per motivi lavorativi vorrei sapere PRIMA i giorni di effettivo disagio post operatorio..grazie!

        • Massimonicolo

          Dopo la terapia fotodinamica dovrà rimanere 48 ore al riparo dalla luce e indossare occhiali da sole.
          saluti,
          Massimo Nicolò

  • MASSIMILIANO MARCHESI

    buongiorno dottore
    mi hanno diagnosticato la c.s.c. 5 anni fa dicendomi che non si poteva curare e che sarebbe passata da sola. Per circa 4 anni e 1/2 il mio disturbo è stato persistente, da circa 1 mese vedo le linee distorte e immagine offuscata e questo mi crea grossi problemi legati anche a leggeri mal di testa e a carico del ll’occhio stesso .ora leggo qui che finalmente qualcuno ha trovato una cura !! secondo lei è troppo tardi? se non è troppo tardi cosa comporta il trattamento laser in tempi di convalescenza? come faccio a farmi visitare da lei (ho appena rifatto la fluorangiografia)?
    la ringrazio anticipatamente sperando in una soluzione a questo fastidioso problema

    • Gentile Signore,
      in linea generale credo che non sia mai troppo tardi. Probabilmente la comparsa di visione distorta e’ la conseguenza della riattivazione della malattia e allora in questo caso e’ possibile fare qualcosa. Ovviamente e’ necessaria una attenta valutazione e soprattutto è importante eseguire l’esame OCT, la fluorangiografia e l’angiografia con verde di indocianina per stabilire se si può fare la terapia fotodinamica.
      saluti,
      Massimo Nicolò

      p.s. le ho mandato una mail sulla sua casella di posta.

  • Adele bernasconi

    buongiorno,
    ho 47 anni ,mi hanno diagnostica una sierosa centrale , dopo ever eseguito o.c.t.e l’esame del campo visivo , il fastidio è notevole , riesco a leggere con molta difficoltà e vorrei sapere se è esatto attendere 2-3 mesi aspettando il riassorbimento del liquido , come diagnosi, o sarebbe meglio intervenire preventivamente.
    la ringrazio anticipatamente
    saluti
    adele

    • Gentile Signora,
      dato che la corioretinopatia sierosa centrale non e’ molto frequente nel sesso femminile secondo me sarebbe il caso di eseguire fluorangiografia e angiografia con verde di indocianina per avere una certezza della diagnosi. Dopo di che se la diagnosi e’ confermata valuterei in base agli esami la necessita’ di eseguire subito la terapia fotodinamica o fotocoagulazione laser oppure se attendere 1 mese e vedere se e’ presente ancora il sollevamento.
      Nelle donne a volte la corioretinopatia sierosa centrale si associa a problematiche sistemiche quali malattie autoimmuni oppure alla assunzione di cortisone.
      saluti,
      Massimo Nicolo’

  • Erica

    Salve,
    mi è stata diagniosticata questa malattia due anni fa, in entrambi gli occhi e subito sono stata curata con iniezioni intravitreali. Volevo chiederle se a parte queste tecniche laser ed iniezioni esistono altre cure o se c’è qualcosa che posso fare per ridurre gli episodi. Sono molto spaventata perchè ho solo 27 anni e l’idea di avere una malattia così rara e senza una cura definitiva mi spaventa molto.
    grazie

    • gentile sig.ra,
      ad oggi la terapia di scelta per la csc e’ la terapia fotodinamica. le evidenze scientifiche per le iniezioni intravitreali per questa patologia sono modeste. la csc puo’ essere curata molto bene con risultati ottimali, purtroppo non e’ ancora possibile parlare di guarigione.
      saluti,
      massimo nicolo’

  • FABIO

    buongiorno dottore,

    mi è stata diagnosticata la csc da pochi giorni dopo oct e fluoroluminescenza, purtroppo la cosa è stata rilevata in entrambi gli occhi (os praticamente 2/10 mentre od ho per ora solo lieve fastidio di focalizzazione). la cura somministratami attualmente consiste in collirio e diamox per 10gg. non le nego che essendo il problema in entrambi gli occhi sono seriamente preoccupato non solo per il lavoro ma per la mia futura”vita”. vorrei al più presto capire se la situazione può ulteriormente degenerare e se possibile sapere come avere un consulto da parte sua dato che a detta degli stessi operatori intervenuti il caso è più unico che raro. scrivo da milano. cordiali saluti

    • gentile signore,
      la sua storia clinica e’ direi abbastanza tipica. Se la diagnosi di csc e’ confermata direi che la terapia di scelta e’ la terapoa fotodinamica che ormai e’ la terapia standard per questa patologia.
      saluti,
      Massimo Nicolo’

  • Dania bianco

    Buongiorno, oggi hanno dimesso mio padre ( 65 anni diabetico) dal reparto di oculistica di Trieste, gli è stata diagnosticata una corioretinopatia sierosa centrale in entrambi gl’occhi ( eseguiti OCT, campo visivo e fluorangiografia) che gli comporta un enorme abbassamento della vista ( 2/10 OD e 5/10 OD). la prosecuzione delle cure prevede un ulteriore OCT tra 1 mese ma nulla più. Vorrei sapere se ci sono possibilità concrete di guarigione e se esiste una terapia.
    Ovviamente mio padre non può più guidare ne leggere ne guardare la televisione ed è molto demoralizzato. La ringrazio per l’attenzione
    Bianco Dania

    • Gentile Signore,
      la terapia di scelta per la csc e’ la terapia fotodinamica. Se vuole puo’ inviarmi le immagini degli esami effettuati all’indirizzo massimonicolo@occhioallaretina.it in modo da poterle valutare.
      saluti,
      Massimo Nicolo’

  • Lidia

    Gentile dott. Massimo, mi è stata diagnosticata la CSC, da due mesi, dopo tre OCT, e per l’ultimo confermata dal fluorangiografia fatta il 26 di novembre 2010. Non mi è stata datta nessuna terapia. Il commento che accompagna la cartela è: OS FAG in evidenza piccola area maculare con tenue accumulo di colorante, non punti di fuga. , piccolo distacco EP.( Questo commneto l’ho preso dal Fluorangiografia) Chiedo gentilmente un suo parere. Cosa devo fare in questa situazione?
    Cordiali saluti
    Lidia

  • Michele campetella

    Lei ha detto “va bene attendere un mese…”, ma nel mio caso ad esempio il riassorbimento c’e’ stato dopo un anno in maniera spontanea. Mi sembra un po’ azzardato praticare il laser dopo cosi poco tempo, spesso so che i punti di fuga, come nel mio caso, si chiudono dopo diversi mesi.

    • Gentile Signore,
      prima o poi il riassorbimento spontaneo si verifica ma molto spesso la vista rimane danneggiata in modo permanente. Purtroppo o per fortuna la medicina non è una scienza esatta, tanto che quando parliamo di risultati parliamo sempre di “statisticamente significativo” per cui non mi sorprende che nel suo caso nonostante sia passato così tanto tempo la sua vista sia migliorata. Lei dice “azzardato”, ma scusi ha delle esperienze a riguardo?.
      saluti,
      Dott. Massimo Nicolò

  • Pietro E. Zamproni

    Il 14/12/2010 a seguito di un sopraggiunto fastidio alla vista nel campo visivo dell’occhio destro mi sono sottoposto ad una visita oculistica, durante la quale ho effettuato una OCT della macula.
    A fronte di una diagnosi di sospetta CSC la specialista mi ha prescritto una FAG retinica, che ho eseguito il 20/12/2010: anch’essa conferma la prognosi.
    Ho 39 anni, mi riconosco perfettamente nella personalità di tipo “A”, sono un soggetto facile allo stress e vengo da un periodo intenso in tal senso a causa di un recente lutto familiare.
    Cosa mi devo attendere per il futuro prossimo e non solo?
    A quale indirizzo e-mail potrei inoltrarle gli esiti degli esami ut supra?
    Grazie anticipatamente per l’attenzione.
    Cordiali saluti.

    • Gentile Signore,
      grazie per aver scritto.
      Il mio indirizzo e’ massimonicolo@occhioallaretina.it
      Solitamente il primo evento di CSC acuta si risolve spontaneamente nel giro di 1-2 mesi. Se cio’ non dovesse accadere è possibile eseguire delle terapie mirate (terapia fotodinamica o fotocoagulazione) per indurre il riassorbimento del fluido.
      saluti,
      dott. Massimo Nicolo

  • Sara

    Gent.Dott.,
    a seguito di una CSC nell’occhio dx recidivante (primo episodio ott.2009), mi è stato inoculato il 7/12/2010 un corticosteroideo (kenakort). A tutt’oggi vedo ancora malissimo. Da Oct effettuate il sollevamento è ancora presente . Nonostante il deludente esito l’oculista mi consiglia di effettuare un’iniezione con Avastin nel più breve tempo possibile. Le chiedo, come interpreta questa necessità di ricorrere ad un’altra iniezione ? Forse ho subito dei danni ? Inoltre, ritiene l’Avastin un farmaco adatto? privo di effetti collaterali ? . La ringrazio , saluti.
    Sara,42 anni

    • Gentile Signora, solo ora mi accorgo che la mia risposta alla sua richiesta non e’ stata pubblicata e mi scuso. In effetti iniettare il kenacort può non essere stata una idea brillante e lo stesso vale per l’Avastin. Se la diagnosi e’ corioretinopatia sierosa centrale allora la terapia piu’ appropriata sarebbe la terapia fotodinamica. saluti, Dott. Massimo Nicolo’

  • Nicola

    gentile Dottore, da 12 giorni circa mia moglie ( 40 anni e con miopia od -16 e os-19 ) ha notato che con l’occhio destro vedeva delle linee ondulate, da un primo oct le veniva detto verbalmente che era un edema che si sarebbe riassorbito con utilizzo di collirio Voltaren alternato a nevanac….visto lo stato di ansia di mia moglie le facevo fare un secondo consulto previo fondo oculare ed oct presso Clinica Mediterranea di Napoli, diagnosi in sintesi “neovascolarizzazione od….”, giovedi 17 febb dovrà fare fga e se tutto confermato tra 10 giorni inizia un ciclo di terapia con iniezioni intravitreali?……Le chiedo un parere sulla diagnosi alla base dei documenti che le invio e sul centro presso il quale mia moglie seguirà la terapia….inoltre le hanno associato una terapia di cortisone ( 1/2 pastiglia da 250 )…….ma è vero che può creare danni anzichè aiutare?

    • Gentile Signore, se la diagnosi è neovasocolarizzazione coroideale allora le cure che i colleghi le hanno proposto sono corrette. La neovascolarizzazione coroideale è diversa dalla corioretinopatia sierosa centrale e le cure sono appunto le iniezioni intravitreali. Il cortisone nel caso di sua moglie può avere un razionale e aiutarla. Nel caso invece della corioretinopatia sierosa centrale a cui questo blog è dedicato il cortisone è controindicato. la ringrazio per aver scritto.

      Dr. Massimo Nicolò

  • Elena

    buongiorno dottore, ho 35 anni e da due anni a questa parte soffro molto di frequente di CSC, diagnosticata attraverso continui esami OCT.
    vale la pena di insistere per un trattamento risolutivo o è sufficiente continuare a tenere l’occhio sotto osservazione? ci sono dei rischi che la CSC generi altre patologie?
    la ringrazio anticipatamente
    elena

    • Gentile Signore,
      se il sollevamento sieroso del neuroepitelio persiste è inutile e dannoso attendere. Bisogna indurre il riassorbimento con una terapia mirata come la terapia fotodinamica o la fotocoagulazione laser, previa esecuzione della fluorangiografia, angiografia con verde di indocianina e OCT.
      saluti,
      dr. Massimo Nicolò

  • Sabrina

    buongiorno dottore,
    sono una donna di 45 anni, due mesi e mezzo fa mi è stata diagnosticata una CSC a seguito di OCT. Ho ripetuto l’esame dopo due mesi e il siero non si è riassorbito anzi la “bolla” sembra leggermente aumentata. Nei prossimi giorni farò la fluorangiografia e, mi è stato detto, se la fuoriuscita di siero è in un punto raggiungibile dal laser interverrano in questo senso.
    Sono stata seguita al reparto di oculistica del policlinico Tor Vergata di Roma ed è lì che sarò sottoposta a questo trattamento. Spero di essere in buone mani, ma soprattutto, se non riescono a trattare con il laser, quale strada rimane?
    cordiali saluti

    • gentile signora,
      la csc nelle donne non e’ cosi’ frequente per cui per prima cosa mi accerterei che la diagnosi sia quella giusta. In ogni caso quello che le hanno detto circa il laser e’ vero. Nel caso in cui la fotocoagulazione laser non sia possibile allora e’ indicato fare la terapia fotodinamica.
      Mi faccia sapere l’esito della fluorangiografia e chieda di fare anche l’indocianina contemporaneamente alla fluorangiografia in modo da avere ancora maggiori informazioni soprattutto nel caso dovesse fare la terapia fotodinamica.
      Se vuole puo’ mandarmi le immagini per posta elettronica a massimonicolo@occhioallaretina.it
      saluti,
      Massimo Nicolo’

  • Rossella rispoli

    Buongiorno dottore, sono una donna di 33 anni alla 31 esima settimana di gestazione. stamani in ospedale mi hanno diagnosticato la corioretinopatia sierosa centrale dovuta probabilmente ad un fattore di stresse (non avedno problemi di pressione sanguigna). Mi hanno detto detto che essendo in gravidanza non posso rendere diuretici o fare esami diagnostici più invasivi, quindi per il momento faremo delle visite di controllo per vedere come và la quantità di siero. Lei cosa mi consiglia? La ringrazio in anticipo.

    • gentile signora,
      per il momento non faccia niente, in ogni caso se ha la possibilita’ mi mandi per posta elettronica le immagini oct che ha fatto per individuare il problema. Ovviamente in gravidanza e’ difficile fare ulteriori indagini. Potrebbe anche essere che il problema si risolva spontaneamente dopo la gravidanza senza lasciare danni. In ogni caso deve fare dei controlli oct periodici.
      saluti,

      Dr. Massimo Nicolo’

      • Rossella rispoli

        Salve dottore, come aveva previsto si è risolto tutto spontaneamente nel giro di un mese e mezzo. Grazie ancora per la disponibilità.

  • Lucio

    Salve Dottore, ho 38 anni e mi è stata diagnosticata la retinopatia sierosa centrale all’occhio sinistro. Da circa 20 giorni sto seguendo la terapia che mi è stata prescritta: ” Diamox 250 mg” una compressa al giorno, collirio “Nevanac” 3 volte al giorno e sali minerali ” Polase”. Dall’esame OCT si vede benissimo il sollevamento della retina.
    Poichè il diuretico ha molti effetti collaterali e devo prenderlo per circa un mese e mezzo, volevo sapere se questo periodo è troppo lungo, visto che ho letto da una sua risposta che il flusso sottoretinico è dannoso. Ovviamente dopo tale periodo mi hanno detto che se non ci saranno stati miglioramenti si dovrà intervenire con fluorangiografia e terapia laser fotocoagulazione.
    La ringrazio

    • Gentile Signore,
      il diamox lascia il tempo che trova per cui se non riesce a tollerarlo lo interrompa pure. Sicuramente quello che le hanno detto circa il laser e’ vero. Attendo un mese e se il fluido persiste vedra’ che la fotocoagulazione laser o la terapia fotodinamica potra’ risolverle il problema.
      mi faccia sapere,

      dr. Massimo Nicolo’

  • Gaetano

    salve dott Nicolò,ho 34 anni e per la quarta volta nel giro di 7 anni mi è stata diagnosticata una csc con distacco sieroso idiopatico del neuroepitelio al polo posteriore prodotto dal passaggio di fluido dalla coroide nello spazio sottoretinico attraverso un difetto dell’epitelio pigmentato,facendo un oct si è riscontrata la presenza di una falda che automaticamente impedisce la visione nitida delle immagini etcetc……vorrei un suo consiglio……consideri che abito da poco a voghera e quindi se fosse possibile verrei volentieri a farmi fare una visita approfondita da lei……grazie anticipatamente per la disponibilità e la professionalità del sito……..!!!

  • Gianfranco Ruzzittu

    Dottore buona sera.
    Ho 53 anni, Il primo caso di csc risale a circa 20 anni fa.
    Col tempo il mio problema è andato sempre più agravandosi, in particolare nell’occhio sinistro, ritengo che la malattia sia orma cronica, la vista non supera i 3/10. Guardando la oct è den visibile il sollevamento della retina, come se vi fosse una sorta di ciste. con la FAG la macula appare una sorta di bersaglio. Ritiene sia ancora possibile fare qualche terapia?
    La ringrazio Gianfranco

    • Gentile Signore,
      la dovrei visitare. In ogni caso è importante cercare di indurre il riassorbimento del fluido. La terapia fotodinamica è sicuramente una buona terapia. I casi cronici con edema intraretinico cistico sono i piu’ difficili da far regredire ma in ogni caso è importante provare. Non ci sono particolari rischi. Ovviamente per un giudizio definitivo sulla fattibilità la dovrei visitare.
      saluti,

  • Alessio

    buongiorno dottore
    mi hanno diagnosticato la c.s.c. 7 anni fa dicendomi che non si poteva curare e che sarebbe passata da sola. Ormai il mio disturbo persistente, da circa 1 mese con l’occhio sinistro vedo le immagine offuscata e questo mi crea problemi con il mio lavoro di autista ha volte mi capita pure di avere leggeri mal di testa e a carico del ll’occhio stesso .Ora leggo qui che finalmente qualcuno ha trovato una cura ! Il mio problema si aggrava quando attraveso una fase ansiosa,fino adesso tutti gli oculisti dove mi sono fatto curare mi hanno curato con diamox,indoxen indocollirio.
    la ringrazio anticipatamente sperando in una soluzione a questo fastidioso problema.
    Dimenticavo abito in provincia di Caltanissetta e lavoro a palermo, ma sarei anche disposto a venire da lei a Genova

    • La CSC si puo’ e si deve curare. La terapia di elezione ormai riconosciuta in tutto il mondo è la terapia fotodinamica, alternative non ne esistono. Per tutto il resto dovrei visitarla. Io sono a Genova che non è dietro l’angolo in ogni caso il numero dello studio è 010-542057.
      saluti,
      Massimo Nicolo’

  • Liberato

    Caro dottore,
    sono un uomo di 47 anni da circa 2 soffro di CRC ho effettuato i previsti esami e mi sono altresì sottoposto a terapia fotodinamica preso una struttura ospedaliera lo scorso mese di aprile. A distanza di circa 45 gg. ho effettuato un controllo dal quale risultava tutto risolto.
    Lo scorso mese di settembre ho avuto una recidiva della malattia.
    E’ possibile e consigliabile ripetere la terapia fotodinamica? A quali rischi o problematiche potrei incorrere nel ripeterla?

    • Gentile Signore,
      mi mandi gli esami oct, fluorangiografia e indocianina che ha fatto prima e dopo la terapia fotodinamica all’indirizzo massimonicolo@gmail.com cosi’ potro’ essere piu’ preciso.
      saluti,
      Massimo Nicolo’

  • M.

    Salve dottore,
    sono un paziente che da circa 6 anni combatte questa malattia “oscura” e che purtroppo ad oggi ancora non sono riuscito a guarire (se così si può dire, visto che non esiste cura definitiva). Ho 42 anni e come le dicevo da circa 6 ho questo problema, nato per prima all’occhio destro e dopo un paio di recidive, il problema è rientrato dopo due iniezioni di triamcinolone acetato (cortisone). Subito dopo il problema si è ripresentato all’occhio sinistro e qui, nonostante un’infiltrazione di triamcinolone acetato e di Lucentis, il problema da più di un anno ancora non si risolve. La bolla è stata molto dinamica e quindi si è spostata di frequente. Il medico che mi ha in cura mi ha suggerito la terapia fotodinamica e nel frattempo il problema mi si è ripresentato di nuovo anche all’occhio destro. Premetto che ormai convivo con questa malattia e quindi cerco di non abbattermi più di tanto altrimenti peggiorerei sempre di più la situazione (visto che uno dei maggiori indiziati come causa è lo stress e l’ansia!), però mi creda non so più cosa fare e pensare per risolvere il problema e la paura che posso avere danni permanenti è sempre con me. Non le chiedo terapie consigliate o quant’altro ma solo il motivo per cui questi distacchi avvengono, in termini di coroide e retina ed epitelio pigmentato che non “funzionano”. C’è alla base una qualche forma di difesa immunitaria che manca o comunque qualcosa che all’interno dell’organismo provoca tutto questo e che non va? Io fumavo circa 10 sigarette al giorno e bevevo 2/3 caffè e naturalmente ho eliminato anche questo……poteva essere una causa? Una cosa che ho potuto notare questa volta che la sierosa è presente in entrambi gli occhi, è che si è acutizzata in uno dei due e leggermente riassorbita nell’altro (questo in base a ciò che “vedo”, visto che ormai ho imparato a misurare l’innalzamento della bolla già solo osservando gli oggetti e me lo confermerà l’ennesimo OCT dei prossimi giorni), sembra la legge dei vasi comunicanti ma è mai possibile una cosa del genere?. La ringazio anticipatamente per la disponibilità.

    • Gentile Signore,
      con tutta franchezza la sua storia mi lascia un po’ perplesso. Se la diagnosi e’ veramente corioretinopatia sierosa centrale allora il triamcinolone che e’ cortisone non andava fatto perche’ e’ ormai noto l’effetto controproducente e cronicizzante del cortisone sulla csc.
      La terapia fotodinamica e’ il trattamento di scelta. Ovviamente il suo e’ un caso un po’ delicato che deve essere indagato al meglio con l’oct ma anche con l’autofluorescenza, la fluorangiografia e l’angiografia con verde di indocianina.
      Se vuole puo’ mandarmi per mail le immagini degli esami che ha fatto sino ad ora. L’indirizzo e’ massimonicolo@occhioallaretina.it
      saluti.

  • Simona

    Buongiorno Dottore,
    ho 43 anni, mi è stata diagnosticata la CSC all’occhio dx 4 anni fa, sono in cura dal Dott. Andrea Cusumano (eseguo visite annuali) che fino ad oggi ha ritenuto opportuno non intervenire in quanto il liquido si era assorbito spontaneamente dopo diversi mesi di permanenza e conseguente cicatrizzazione della parte. Durante l’ultima visita è stata notata un sospetta forma polipoidale e nonostante gli 8/10 (mi è stato detto che in alcune situazioni si decide fondamentalmente di intervenire solo al raggiungimento dei 6/10) vorrebbe intervenire con la fotodinamica (post analisi FAG e IGC). Mediamente quante sedute di fotodinamica sono necessarie? Mi è stato detto che dopo l’inserimento del liquido endovenale bisogna rimanere al buio per 48 ore in quanto fotosensibilizzante, è corretto? Credo e spero di essere in buone mani. Grazie

  • Fedeica

    Gentile Dott.Massimo,

    sono una ragazza di 32 anni e circa 40 giorni fa mi è stata diagnosticata una sierosa centrale all’occhio destro. Ho avuto una diminuzione della vista da 10 a 3/10. Dall’ultima visita risulta che qualche grado è stato recuperato, rimane tuttavia una visione offuscata con alone che non mi permette di vedere i contorni delle cose e persone in modo definito. Inoltre la retina risulta ancora sollevata.
    Non mi è stata prescritta alcuna cura in quanto mi è stato detto che sarebbe passata col tempo.
    Ritiene sia necessario intervenire?

    Grazie, porgo cordiali saluti,

    Federica

    • In linea di massima se è presente fluido direi che è necessario intervenire. Bisogna prima eseguire la fluorangiografie e l’angiografia con verde di indocianina e l’oct per stabilire quale trattamento eseguire, terapia fotodinamica o fotocoauglazione laser che sono in grado di indurre il riassorbimento del fluido in circa l’80-90% dei casi.

  • Sergio Filippini

    Salve, ho 40 anni e due mesi fa mi è stata diagnosticata la crsc. Mi è stata prescritta una cura con diamox, 1,5 pastiglie al giorno, norflow, yellox e integrazione di polase. A seguito di una fluoroangiografia, mi è stata sconsigliata la laser terapia perché la macula è troppo vicina al centro della retina e mi è stato consigliato di proseguire ad oltranza la cura. Mi é stato inoltre riferito che essendo una malattia da stress sarebbe utile prendermi un lungo periodo di ferie ma questo purtroppo non posso permettermelo. Che suggerimenti mi popone, ci sono altre soluzioni?

    • Buongiorno,
      Per prima cosa bisogna vedere se e’ il primo evento oppure ce ne sono stati altri magari passati insosservati. In ogni caso non farei passare piu’ di 1-2 mesi. La CSC oggi si cura in modo estremamente efficace e sicuro con la terapia fotodinamica o la fotocoagulazione laser. Non ci sono alternative, alla lunga attendere che il liquido si riassorba, e’ controproducente.
      saluti,
      Massimo Nicolo’

  • Paolo

    buongiorno Dottore,
    soffro di csc con forte irregolarita’: puo’ comparire 3 volte in una settimana e poi piu nulla per mesi. Il fenomeno dura sempre pochi minuti, mai piu di 10, a differenza di quel che leggo di altri pazienti.
    La macchia compare piccola, sia amplia progressivamente e poi sparisce.
    Secondo Lei e’ il caso di considerare una terapia o non ne vale la pena?
    grazie

    • Buongiorno,
      dipende da molti fattori. Bisognerebbe visitarla, vedere l’OCT ed eventualmente fare la fluorangiografia e l’indocianina.
      saluti,
      Massimo Nicolò

  • Gentile dottore, mi hanno diagnosticato una crsc all’occhio dx circa 8 anni fa. La prima volta si è riassorbita dopo circa 1 mese e mezzo, spontaneamente. Poi negli anni purtroppo ho avuto varie recidive sempre all’occhio dx. Volevo chiederle due cose: 1) nell’epidemiologia clinica che riguarda la sierosa centrale quanto è riscontrabile statisticamente e percentualmente, (da una oct fatta l’anno scorso l’occhio sx non presentava nessun problema di crsc), anche dopo molti anni, un’estensione della crsc nell’occhio controlaterale? 2) nell’occhio dx affetto da crsc si può teoricamente ancora intervnire in modo migliorativo dopo 8 anni dall’insorgenza? Grazie in anticipo per le sue risposte.

    • Buongiorno,
      purtroppo non esistono dati epidemiologici sua csc. Quello che sappiamo e’ che spesso la malattia e’ bilaterale anche se l’occhio contralaterale non e’ detto che sviluppi il quadro acuto. Non sempre l’oct e’ in grado di escludere la presenza anche di una csc iniziale senza fluido.
      saluti,
      Massimo Nicolo’

  • Rocco

    Buonasera Dott. Nicolò, ho 30 anni e ieri all’Ospedale mi è stata diagnosticata la CSC (confermata da OCT che mi hanno rilasciato) perchè in mattinata vedevo di colpo un alone con dentro una macchietta grigia, sono miope (circa due gradi per occhio) ma ho 10/10 di vista con gli occhiali nonostante la CSC, mi hanno prescritto del Diamox due pastiglie al giorno per tre giorni e poi due metà per una settimana incluso del Polase per integrare il potassio. A parer loro è solo stress (effettivamente non dormo bene da mesi perchè ho una presunta adenoide e sono in attesa degli esami della biopsia oltre tutto). Oggi ho consultato per sicurezza un altro oculista che ha confermato la CSC ma sostiene che dovrei fare tre giorni di punture di cortisone perchè si può estendere e che potrebbe essere un problema vascolare ma leggendo ovunque ho visto che è l’ultima cosa da fare il cortisone…vorrei sapere se mi conviene pensare subito alle terapie da Lei operate o intanto aspettare il mese che al massimo Lei consiglia.

    Grazie mille,

    Rocco

    • buonasera,
      per il momento attenda 1 mese, ripeta l’ oct e poi vediamo. Se la diagnosi e’ csc il cortisone e’ controindicato.
      Mi faccia sapere.
      saluti,

      Massimo Nicolo’

      • Rocco

        Buongiorno Dott. Nicolò, Le farò sapere! Grazie della cortese disponibilità!
        Cordiali Saluti,

        Rocco

  • Matteo

    buonasera dottore mi chiamo matteo , ho 34 anni e il giorno 14 luglio mi sono accorto di avere una macchietta al centro leggermente a dx occhio dx…il lunedi mi reco al PS di Verona e mi riscontrano dopo visita e oct due bolle biancastre occhio dx ,vista 10 decimi occhio dx,e mi ordinano come cura collirio acular…purtroppo ogni giorno le bolle sono aumentate di numero e di grandezza e hanno interessato anche l’occhio sx..mi rivolgo anche a un oculista privatamente che mi riscontrerebbe CSC con molti dubbi x la verità…nel frattempo torno al PS e la vista occhio dx il venerdi 20 è di 1-2 decimi a fatica,causa bolla al centro della macula cresciuta,nessuna diagnosi se non infiammazione alla retina o corioretinite…ora lun 23 mi aprono cartella clinica e mi fanno decine di esami del sangue dei quali ancora oggi 25 luglio nn conosco risposta..domani 26 verrò sottoposto a fluorangiografia e dopo decideranno se trattarmi con cortisone oppure no,dicendomi dopo aver valutato se si tratta di infiammazione o anche infezione e non ho ben capito se intesa agli occhi o generalizzata a qualsiasi altra parte del corpo…secondo i miei calcoli ritengo di avere una decina di bolle occhio dx e 6-8 occhio sx che fortunatamente per ora girano intorno al centro della vista e mi permettono di vedere…se la formazione di nuove bolle nn si arresta al più presto tra qualche giorno temo di non poter più usare neanche l’occhio sx….sono leggermente preoccupato…

      • Matteo

        salve dottore grazie per aver risposto con interesse al mio caso…purtroppo io sono diciamo tenuto all’oscuro di tutto si fa per dire…cioè all’ospedale ancora stamattina si sta aspettando l’esito di alcuni esami sierologici che da lunedì sono in corso…quelli già finiti di esaminare fino ad oggi,e le assicuro che sono tanti,ho intravisto la lista col mio povero occhio sx,mi viene detto essere andati bene fino ad ora…sono riuscito a parlare merc mattina con uno dei dottori dell’equipe che segue il mio caso e mi viene detto di aspettare esito FAG di giov,della quale ancora non mi dicono nulla,aspettare esito di PEV fatta stamane dal neurologo,della quale io nn so nulla,come detto prima aspettare esito di tutte le analisi comprese quelle di lun prox,30 luglio, prelievi HLA, e infine valuteranno il da farsi…io le chiederei..ma secondo lei, visto e considerato che l’ultima volta che mi hanno visitato risale a ven 20 luglio, e visto che a me sembra che la formazione di nuove bolle non si sia fermata, con l’occhio dx oltre ad una decina di bolle che non mi permettono di leggere,guardare tv ecc ecc, vedo un pò ondulato vicino a bolle e se guardo ad esempio il cielo al mattino vedo effetti strani tipo riflessi o stelline che si muovono,occhio sx idem ma fortunatamente leggo guardo ma solo perchè le bolle sono distribuite a mio favore e sono un pò di meno..ecco finisco,considerate queste cose,ma non le sembra che se la stiano prendendo con troppa calma?…inoltre,l’unica diagnosi datami fino ad ora sarebbe infiammazione della retina…potrebbe trattarsi di CSC visto il numero di bolle??…LA RINGRAZIO

        • Non so cosa dirle….mi faccia sapere il responso degli esami fatti.
          saluti,

  • Stefano buttarelli

    buongiorno dottore
    mi hanno diagnosticato la csc a marzo2010, sono arrivato spaventato perchè ero passato da 11/10 a 5/10 ma dopo oct e fluoroangiografia mi hanno rassicurato che era una una malattia guaribile. fatto sta che a luglio dopo tanto diamox e vitamine la csc era scomparsa al 95% e agli esami della vista io risultavo avere 10/10, quindi non ero tornato come prima ma mi dissero che se volevo dovevo provare il laser ma ho avuto la sensazione che scoraggiassero quindi ho soprasseduto. A inizio 2011 si è ripresentata, in forma più lieve e nei referti mi hanno scritto a febbraio 2011 csc lievemente attiva e a giugno 2011 esiti di csc. microfalda extramaculare inferonasale. Detto questo io ho avuto la sensazione che più di questo non si potesse fare senza farlo con il laser e che mi potevo contentare. Da allora ogni tanto ripeggioro e mi autoprescrivo dei cicli di 2-3 scatole di diamox e vitamine per gli occhi (macular b forte e nutrof total) ma il tempo passa e non risolvo anzi leggendo sopra le sue risposte sto peggiorando le cose. Mai nessuno mi ha parlato di terapia fotodinamica. Secondo lei cosa è meglio che faccia? grazie anticipatamente.

    • Gentile Signore,
      la pianti con il diamox che non serve a niente e fa lavorare solo i i suoi reni inutilmente.
      La dovrei visitare, se vuole in via preliminare puo’ mandarmi i suoi esami per posta elettronica massimonicolo@occhioallaretina.it
      saluti

  • Salvatore

    Salve dottore , da 6-7 giorni ho notato un abbassamento della vista all’occhio SX ,ieri mi hanno diagnosticato una CSC all’occhio SX con perdita da 10/10 a 7/10 , ho fatto fluorangiografia con il contrasto ( credo verde indocianina) che ha confermato la CSC e oggi dopo una visita oculistica mi hanno prescritto 1 diamox 250 per 2 volte al giorno e collirio nevanac 3-4 volte al giorno e 1 bustina di polase (io ho in casa mk12 plus) tutto per 1 settimana , e poi di nuovo il controllo. Questa e la prima volta che io ricordi che mi succede , e sono preoccupato. Ho letto nei post che il diamox alla fine non serve a niente e aspettare che passi e peggio , quindi cosa mi consiglia? Grazie in anticipo

    • Buongiorno,
      attenda 1 mese, ripeta l’OCT e se la bolla di fluido persiste sara’ opportuno programmare il trattamento laser (fotocoagulazione o PDT) previa esecuzione della fluorangiografia e angiografia con verde indocianina.
      saluti,
      Massimo Nicolo’

      • Salvatore

        Salve dottore, la ringrazio della immediatezza del suo consiglio, martedi 11 farò il primo controllo dopo la prima settimana di trattamento diamox , le farò sapere l’evolversi della situazione. Per ora le rinnovo i saluti e i ringraziamenti

  • Rocco

    Gentile Dottore vorrei farle una domanda:da due anni soffro di CRS e diversi oculisti mi hanno curato con diuretici,antinfiammatori e diuretici promettendo guarigioni,fino a che il 27 novembre mi hanno fatto la fotodinamica laser.Premetto che ero arrivato a 4 decimi occhiosx,prima dell’intervento.Ora a distanza di 40 giorni circa va meglio ma vedo circa 5 decimi.Ho speranze di riaquistare la vista visto cheil mio visus era di 10 decimi a tutti e due occhi a 46 anni?(l OCT evidenzia la scomparsa del liquido)tRingrazio anticipatamente per la risposta.

    • Gentile Signore,
      la terapia fotodinamica ha fatto quello che doveva fare. A questo punto dobbiamo attendere che le cellule della sua retina tornino a funzionare. Se e quando questo succederà non è possibile prevederlo.
      grazie
      Massimo Nicolò

    • Gianni

      Salve Rocco, dove ha fatto la fotodinamica laser?Anche io ho lo stesso problema all’occhio sinistro.Rimango in attesa.Grazie.

    • Massimo

      Buongiorno Rocco, essendo un argomento che interessa anche me, volevo sapere se a distanza di tempo il suo problema è migliorato con la fotodinamica e se è riuscito, spero, a riacquistare i suoi 10 decimi. Grazi mille per l’informazione che potrà darmi Massimo

  • Mario S.

    Sono affetto da CSC dal 2008 all’occhio sx e dopo una prima risoluzione spontanea mi è ricomparsa dopo circa un anno allo stesso occhio e da allora non è più regressa. Come tutti ho tentato la terapia Diamox, ma senza successo ed oggi rimango con una fastidiosa distorsione visiva (alla Salvator Dalì) con una rapporto di visione 2 a 1 tra occhio sx e occhio dx, nel senso che quello che dall’occhio destro sembra essere di grandezza 1 al sx è 2.
    Ho letto della terapia laser ma sono scettico sulla sua risoluzione anche parziale…..
    Posso inviarle gli esiti delle OCT…?

  • Roberta

    Salve dottore,
    ho 33 anni e da quasi due anni soffro di retinopatia sierosa centrale. Da altrettanti continuo ad assumere Diamox che mi da non pochi problemi quali formicolii a gambe, braccia e viso. Il mio problema è l’oscurazione totale del campo visivo, visto che la “bolla” si trova nella parte centrale. E’ possibile fare qualcosa per guarire? Il problema è ricomparso da 2 mesi circa ed ultimamente peggiora sempre più, cosa mi consiglia? All’ospedale continuano a farmi OTC e prescrivere diamox. Esiste qualche centro ospedaliero valido? Preciso che sono di Catania. Grazie per l’attenzione.

    • Buonasera,
      a Catania provi a rivolgersi al Dr. MICHELE Reibaldi.
      Saluti.
      Massimo Nicolo’

  • Girolamo mazzeo

    Buon Giorno Dottore , sono un aspirante specializzando alla scuola della Prof.ssa Simonelli a Napoli , complimenti per la pagina.Girolamo Mazzeo

    • Buongiorno,
      ti ringrazio per l’apprezzamento spero che ti sia utile.
      in bocca lupo.
      mn

  • Daniele

    gentile dottore ho saputo cmq dall’oculista che mi segue che la fotodinamica potrebbe avere complicazioni, tipo ischemia se ho ben capito, nemmeno tanto rare. se questo dovesse avvenire cosa succederebbe all’occhio? ci sarebbero rischi di peggiorare le cose? grazie un saluto

    • Buonasera,
      l’ischemia della coroide era un evento possibile anche se raro quando si usavano i dosaggi standard e in effetti la vista peggiorava. Da diversi anni (almeno 8 anni) si usa la mezza dose o la mezza fluenza e francamente non ricordo casi descritti in letteratura di ischemia coroideale. Io avro’ fatto almeno 150-200 casi con i parametri modificati e non ricordo complicanze di questo tipo. Probabilmente saro’ stato fortunato.
      Saluti,
      mn

  • Alessandra Massarini

    Buongiorno Dottore,
    impossibilitati nel recaci a Milano in questo momento (sono alla 35esima settimana di gravidanza!) le chiedo se può indicarmi un collega o un centro, specializzato in problemi della retina, a Napoli e provincia.
    Al mio compagno, 3 mesi fa, è stata diagnosticata la CSC all’occhio sinistro, la terapia e gli esami consigliati dall’oculista sono stati i seguenti:

    1) Collirio yellox mattina e sera (mai sospeso);
    2) 1/2 compressa Diamox +integratore di potassio e magnesio (mai sospeso);
    3) L’esame OCT ogni due settimane;
    4) Ed infine, 15gg dopo la diagnosi, ha effettuato la fluorangiografia retinica.

    Nel primo periodo migliorava velocemente, poi la settimana scorsa, l’esito del OCT è stato devastante: un peggioramento notevole, tanto che la presenza di liquido è superiore rispetto alla prima volta.
    Probabilmente gli oculisti che abbiamo visto non sono specializzati in questo tipo di problemi, purtroppo non riesco a trovare un centro specializzato in patologie della retina, per eventuale terapia o trattamenti per indurre il riassorbimento del fluido.

    Certa di una Sua pronta risposta la ringrazio per il suo tempo e le auguro una buona giornata.
    Cordiali saluti.

    • Alessandra

      Dottore, ho dimenticato di riportale l’esito della fluorangiografia retinica:

      In odx esame nei limiti della norma.
      In osx si evidenzia una epiteliopatia diffusa a livello maculare.
      Utili controlli periodici con OCT.

      Ps.Mi sono accorta di aver scritto Milano, ma in realtà Lei è a Genova!!!

      Saluti,
      Alessandra

    • Buongiorno,
      provi a rivolgersi al dr. Manzi o al prof. De Crecchio. Sono entrambi esperti di patologie della retina e lavorano a Napoli.
      saluti,
      mn

      • Alessandra

        Grazie per le sue indicazioni, contatterò uno dei medici che mi ha indicato.
        Le auguro buona giornata a presto.
        Saluti,
        Alessandra

  • Francesco

    Salve DOttore,
    sono tecnicamente guarito anche secondo oct quindi per fortuna “il rubinetto e’ chiuso” e sono regrediti i sintomi: focalizzando la vista su sfondo bianco noto pero’ un impercettibile ombreggiatura a forma di mezza luna e percepisco visivamente tipo battito cardiaco..e’inusuale sta cosa?
    grazie saluti

    • Massimonicolo

      Buongiorno,
      e’ probabile che i suoi fotorecettori non siano tornati a funzionare al 100%. Bisogna attendere.
      saluti,
      Massimo Nicolo’

  • Cristian Pop

    Buonasera Egregio Dottore. Ho una problema ai ochi:nella stanza letto a scarsa luminosita sofro di cecità della vizione centrale, se guaro un oggetto non lo vedo, invece se sposto il sguardo in alto/basso o destra/sinistra lo vedo. E mi sembra che sta sempre ad aumentare il campo circo con il passo del tempo, la mia dottoressa curante mi diceva che non e niente di grave, però….non ci credo. Oltre questi sintomi sofro anche di un ben po di altri che mi fanno impszire e non ho trovato cure serie ad og2.Grazie in anticipo.

  • Marco

    Salve,

    ho 35 anni, mi è stata diagnosticata la CSC da aprile 2018 all’occhio sinistro, la visione dal sx è più scura, vedo le cose più piccole, le linee dritte che si trovano in basso nell’immagine risultano distorte e se sbatto la palpebra vedo un cerchietto in mezzo all’immagine. Da maggio ho seguito una terapia che prevedeva 1 pillola di diabec al giorno + collirio yellox 2 volte al giorno, senza risultati. A fine agosto ho eseguito un OCT che ha confermato la CSC all’occhio sinistro, ad agosto è stata cambiata la terapia con 1 pillola di diamox al giorno, senza risultati. A novembre su consiglio dell’oculista ho effettuato una visita al centro macula della mia città, hanno letto OCT e i vari referti dell’oculista e mi hanno prescritto una puntura intravitreale anti vegf, da effettuare a febbraio. Nel frattempo fino all’intervento devo assumere due compresse di Drusactive, una di Aldactone e tre volte al giorno il collirio Indom. Sono abbastanza scoraggiato, ma è normale far passare tutto questo tempo ? Grazie

Rispondi a Liberato Annulla risposta

Please type the characters of this captcha image in the input box

Gentilmente scrivi le lettere di questa immagine captcha nella casella di input

9 + 15 =